Gli studi olistici

L’essere umano nella concezione olistica non può essere diviso in parti tra loro indipendenti, bensì è un sistema nel quale mente, corpo e anima (/coscienza) sono interdipendenti e si influenzano continuamente e ineluttabilmente. Tali parti si scambiano continuamente informazioni e si sincronizzano tra loro, cosicché lo squilibrio di una delle componenti comporta uno squilibrio di tutto il sistema. Di conseguenza la psicologia olistica considera l’individuo nella sua interezza, unicità e unità, un sistema integrato in cui le diverse funzioni concorrono a questa unità e fanno riferimento ad un centro chiamato Sé. L’individuo viene trattato secondo le cinque dimensioni fondamentali, fisica, emotiva, mentale, sociale, spirituale, in interazione tra loro e su cui si deve agire per raggiungere uno stato dei ben-essere .

Il Counselor Olistico mira a ridurre gli attriti relazionali, rendendoli più fluidi, aperti e disponibili, per limitare le resistenze che frenano l’interlocutore nelle sue scelte di vita. L’azione del Counselor Olistico non è terapeutica ma “educativa” e si propone di far vivere e brillare di luce propria l’anima dell’interlocutore…

Dopo un periodo di autoformazione sulle diverse metodologie di counseling e diverse letture, tra le quali tra le più importanti per me quelle di Valerio Sgalambro (“Il Counselor Olistico“) e di Dale Starcher (“Mindfulness-Based Counseling for Self-Regulation“), mi sono orientato verso il counseling olistico  iscrivendomi alla scuola di Erba Sacra, dal settembre 2017. Superato l’esame di Psicologia Olistica, al momento sto approfondendo la Psicosomatica e gli strumenti della PNL applicati al counseling.